© Giuliano Passuti per Romagna Street Photography
© Giuliano Passuti per Romagna Street Photography
© Giuliano Passuti per Romagna Street Photography
© Giuliano Passuti per Romagna Street Photography
© Giuliano Passuti per Romagna Street Photography
© Giuliano Passuti per Romagna Street Photography
© Giuliano Passuti per Romagna Street Photography
© Giuliano Passuti per Romagna Street Photography
© Giuliano Passuti per Romagna Street Photography
© Giuliano Passuti per Romagna Street Photography
© Giuliano Passuti per Romagna Street Photography
© Giuliano Passuti per Romagna Street Photography
© Giuliano Passuti per Romagna Street Photography
© Giuliano Passuti per Romagna Street Photography
© Giuliano Passuti per Romagna Street Photography
© Giuliano Passuti per Romagna Street Photography

Il progetto di Giuliano sui bagnanti e sui loro corpi trasloca per una settimana sull’isola di Tenerife, all’ombra del vulcano Teide, dormiente ma attivo. La sottile inquietudine causata dal pericolo sopito si posa sulle cose come un velo che non offusca, al contrario, esalta la drammaticità latente nei soggetti delle foto. Bagnanti, spesso su con l’età, in pensione, in vacanza o ritirati permanentemente, che come il vulcano vorrebbero riposare ma senza spegnersi, e tutto si ammanta di una decadenza morale e, se possibile, visiva, e maestosa allo stesso tempo, come quello che deve provare un console in una ex colonia dell’impero.

Location: Tenerife, sotto il vulcano